Questo sito utilizza i cookies per offrire una migliore esperienza nella navigazione. Continuando accetti la nostra Cookies Policy.
Ricercaforestale
Portale della ricerca scientifica e della pratica forestale

Unità di ricerca per il Monitoraggio
e la Pianificazione Forestale

Benvenuto Ospite
Utente Password Ricordati
Utenti online 

Ci sono 20 visitatori e
0 utenti on-line

Sei un utente non registrato, puoi fare login da qui o registrarti liberamente cliccando qui.

Dimenticato la password? Richiedila qui.


 
 

 Numero di pagine: 132 Vai alla pagina 1  »   Ultima  
Seminari : Gestione sostenibile dei boschi cedui nel sud Europa: indicazioni per il futuro dall'ereditÓ di prove sperimentali
Inviato da : admin Mercoledí, 11 Maggio 2016 - 09:54
Selvicoltura

Gestione sostenibile dei boschi cedui nel sud Europa: indicazioni per il futuro dall'eredità di prove sperimentali

25 Maggio 2016, 9:30 - 17:00; CREA - Centro di ricerca per la selvicoltura, V.le S. Margherita 80 - Arezzo

Il workshop "Gestione sostenibile dei boschi cedui nel sud Europa: indicazioni per il futuro dall'eredità di prove sperimentali" intende presentare il progetto LIFE FutureForCoppiceS, le attività intraprese ed il networking con progetti affini nel contesto europeo di riferimento.
FutureForCoppiceS mira a migliorare la conoscenza per lo sviluppo di una gestione forestale sostenibile del ceduo nell'Europa meridionale. I boschi cedui sono ampiamente diffusi in Europa, con una copertura di circa 23 milioni di ettari nel Mediterraneo. I boschi cedui sono tuttavia scarsamente considerati negli scenari di gestione forestale sostenibile (GFS). Il progetto si pone l'obiettivo di dimostrare, post-hoc e con dati reali, come differenti opzioni di gestione abbiano favorito/limitato la sostenibilità ed efficienza del boscho ceduo. A partire dalla considerazione degli attuali cambiamenti in atto (gas serra, aumento delle temperature, diminuzione delle precipitazioni), i risultati consentiranno di migliorare il quadro conoscitivo sulla gestione forestale in un mutato quadro ambientale.
La sessione pomeridiana sarà dedicata al II incontro con i portatori di interesse.
La partecipazione al workshop è gratuita previa registrazione (posti limitati) da effettuarsi entro il 23-05-16. Sarà possibile esporre poster e saranno riconosciuti crediti formativi professionali.

92 Letture >>> Leggi il resto... (258 bytes ulteriori) Invia l'articolo ad un amico Stampa la pagina
Annunci : Inventario Nazionale delle Foreste e dei serbatoi forestali di Carbonio (INFC): on-line la pi¨ completa fonte di dati sulle foreste italiane
Inviato da : admin Mercoledí, 04 Maggio 2016 - 00:03
Inventari e misurazioni

Inventario Nazionale delle Foreste e dei serbatoi forestali di Carbonio (INFC)

On-line la più completa fonte di dati sulle foreste italiane

Dalla conclusione di INFC 2005, CFS e CREA hanno sempre fornito i dati inventariali, in forma di statistiche o di dati grezzi, a quanti ne hanno fatto richiesta. D'ora in poi sarà possibile accedervi direttamente, attraverso un sito web dedicato ai dati e alla documentazione dell'inventario forestale nazionale INFC.
Il servizio è stato realizzato con l'intento di arricchire l'offerta informativa INFC attraverso soluzioni che facilitano l'accesso al patrimonio di dati e documenti già prodotto e a quello che deriverà dai rilievi inventariali del nuovo ciclo. I contenuti e le funzionalità del servizio potranno, quindi, essere arricchiti e implementati nel tempo.
L'accesso ai dati elementari INFC viene reso più semplice e rapido. L'utente può scaricare i dati elementari direttamente sul proprio dispositivo, previa registrazione al servizio. I dati elementari vengono messi a disposizione in formato aperto, con licenza d'uso Creative Commons CC-by che permette l'utilizzo per qualsiasi fine, anche commerciale, con l'unico impegno di citarne la fonte.
I dati elementari vengono forniti a due livelli: per punto inventariale, come valori ad ettaro per area di saggio, e per albero e ceppaia. La posizione geografica dei punti inventariali è fornita con un'approssimazione al chilometro quadrato al fine di tutelare l'integrità della rete di campionamento e la riservatezza dei dati sensibili.

161 Letture >>> Leggi il resto... (188 bytes ulteriori) Scrivi un commento Invia l'articolo ad un amico Stampa la pagina
Convegni : RealtÓ e prospettive nella coltivazione della douglasia in Italia
Inviato da : admin Mercoledí, 27 Aprile 2016 - 14:50
Arboricoltura

Realtà e prospettive nella coltivazione della douglasia in Italia

12 maggio 2016 ore 15:00, Accademia dei Georgofili - Logge Uffizi Corti (Firenze)

L'abete di Douglas o douglasia (Pseudotsuga menziesii) è un grande albero che già all'età di 50 anni può avvicinarsi ai 50 metri di altezza. Nelle foreste della California o dell'Oregon, da cui questa specie proviene, si trovano esemplari che superano i 100 metri. In Italia i primi esemplari furono introdotti a scopo ornamentale mentre la possibilità di impiego come specie forestale a rapido accrescimento è stata accertata dopo quasi 50 anni di attenta sperimentazione iniziata da Aldo Pavari.
Il primo studio organico sugli aspetti produttivi si deve a Mario Cantiani (1965). Attualmente esistono impianti, anche di una certa estensione, per lo più nella montagna toscana e in Calabria. Le notevoli qualità del legno di douglas si erano già manifestate sui tronchi di importazione. Tenuto conto dello stato dell'arte, si tratta di controllare se tali qualità sono confermate nel legno di produzione italiana. Nondimeno il legno di douglas di produzione europea, grazie alle sue proprietà di resistenza, di dimensioni e anche di aspetto estetico, è già richiesto per scopi strutturali ed anche per arredamento. La sperimentazione condotta in Italia nell'arco di oltre 60 anni ha fornito risultati indicativi, anche per il medio lungo termine, circa le capacità produttive, adattative e la variabilità di questa specie per il suo impiego negli Appennini in relazione anche ai cambiamenti climatici. Su quest'ultimo tema, che sta preoccupando non poco i Paesi del nord Europa, l'Italia potrebbe giocare un ruolo importante sia per la qualità e l'adattamento di alcune provenienze coltivate, sia per il ruolo "pilota", derivante dalla sua posizione geografica, che la espone maggiormente ai problemi che ne derivano.
Per il nostro Paese si ritiene inderogabile mettere a disposizione degli operatori del settore conoscenze di base per migliorare alcuni aspetti tecnici ed economici della coltivazione della douglasia: dal miglioramento della qualità del legname alla rinnovazione naturale dei popolamenti che verranno utilizzati ai cicli produttivi che ottimizzano gli aspetti quali-quantitativi. Si ritiene infine che alla fase tecnica debbano far seguito indirizzi normativi e di politica forestale.

185 Letture >>> Leggi il resto... (147 bytes ulteriori) Invia l'articolo ad un amico Stampa la pagina
Corsi : Introduzione all'uso di R per applicazioni GIS e integrazione di R in QGIS
Inviato da : admin Giovedí, 14 Aprile 2016 - 00:04
Miscellanea

Introduzione all'uso di R per applicazioni GIS e integrazione di R in QGIS

12-13 Maggio 2016, Aezzo

Il workshop intende fornire le conoscenze del linguaggio di programmazione R (R cran https://cran.r-project.org/), mostrandone i possibili utilizzi nell'ambito della geomatica, in particolare di quella forestale, e l'integrazione con il software QGIS (www.qgis.org). Ai partecipanti vengono proposte brevi lezioni teoriche corredate da esercizi volti a mettere in pratica le conoscenze acquisite. Non è indispensabile conoscere il linguaggio di programmazione R, mentre è opportuno avere esperienza, seppure di base, di software GIS (Open-source o proprietari). Per la partecipazione al workshop occorre dotarsi di un proprio notebook.
Il termine per la pre-iscrizione è fissato a venerdì 22 aprile 2016. Seguiranno a tale data le indicazioni per procedere all'iscrizione vera e propria.

304 Letture >>> Leggi il resto... (241 bytes ulteriori) Scrivi un commento Invia l'articolo ad un amico Stampa la pagina
 Numero di pagine: 132 Vai alla pagina 1  »   Ultima  
 
Risorse 
· BANCHE DATI
· Bibliomatic
· Web search


> UtilitÓ


> Mappe interattive
· Impianti a biomasse
· Incendi
· Biomassa forestale


> Applicazioni
· Boschi da seme

 

Stati dell'Arte 
 

 
     
  
Ricercaforestale.it risulta conforme alla vigente normativa sull'editoria (L. 62 del 7 marzo 2001), non trattandosi di pubblicazione avente carattere di periodicità, bensì di prodotto aggiornato a seconda del materiale ricevuto e disponibile per l'inserimento.

Licenza Creative Commons
Eccetto dove diversamente specificato, i contenuti di Ricercaforestale sono rilasciati sotto licenza
Creative Commons Attribuzione - Non commerciale 3.0 Unported.


Risoluzione consigliata: 1024x768.