Questo sito utilizza i cookies per offrire una migliore esperienza nella navigazione. Continuando accetti la nostra Cookies Policy.
Ricercaforestale
Portale della ricerca scientifica e della pratica forestale

Unità di ricerca per il Monitoraggio
e la Pianificazione Forestale

Benvenuto Ospite
Utente Password Ricordati
Utenti online 

Ci sono 27 visitatori e
0 utenti on-line

Sei un utente non registrato, puoi fare login da qui o registrarti liberamente cliccando qui.

Dimenticato la password? Richiedila qui.


 
 

 Numero di pagine: 135 Vai alla pagina 1  »   Ultima  
Convegni : Sustainable restoration of Mediterranean forests: analysis and perspective within the context of bio-based economy development under global changes
Inviato da : admin Lunedí, 05 Dicembre 2016 - 00:04
Pianificazione

Sustainable restoration of Mediterranean forests: analysis and perspective within the context of bio-based economy development under global changes

dal 19 al 22 Aprile 2017 - Palermo

Il Congresso ha come obiettivo quello di esaminare e di discutere la situazione delle foreste nella Regione Mediterranea. Il Comitato Scientifico del Congresso ha selezionato quattro temi chiave che guideranno il programma del congresso:

  • Come i cambiamenti climatici, e i suoi eventi estremi, stanno interessando la vegetazione Mediterranea in generale e, in particolare, le foreste;
  • Come i nuovi progressi tecnologici avranno un impatto e sosterranno le strategie da attuare per condurre ad una gestione sostenibile delle foreste nell'area Mediterranea;
  • Come interconnettere gli enti interessati, gli economisti, i politici con gli scienziati forestali e paesaggistici al fine di formare una rete in grado di garantire una piena integrazione di infrastrutture forestali nazionali nel contesto di strategie mondiali per un'economia circolare;
  • Come combinare la gestione forestale con il restauro del paesaggio forestale.
Al fine di comprendere meglio le migliori pratiche da adottare è estremamente importante discutere relativamente alla situazione della vegetazione Mediterranea anche nel contesto di altri continenti oltre al bacino del Mediterraneo.

8 Letture >>> Leggi il resto... (726 bytes ulteriori) Scrivi un commento Invia l'articolo ad un amico Stampa la pagina
Convegni : Gestione dei boschi cedui oltre turno: avanzamenti tecnico-scientifici e applicazioni operative
Inviato da : admin Venerdí, 02 Dicembre 2016 - 12:33
Selvicoltura

Gestione dei boschi cedui oltre turno: avanzamenti tecnico-scientifici e applicazioni operative

15 dicembre 2016, Regione Liguria - Sala Auditorium, Piazza De Ferrari, 1 – Genova

Nonostante i grandi cambiamenti che hanno interessato le foreste, il governo a ceduo, con i suoi 3,6 milioni di ettari (42% della superficie forestale nazionale) continua a essere un elemento cardine della selvicoltura italiana. Oltre a caratterizzare il paesaggio e l'ambiente, contribuisce direttamente e indirettamente alle economie delle aree collinari e montane e assicura, in molti casi, le condizioni minime per il presidio del territorio da parte delle comunità locali.
In questo contesto, la promozione della gestione forestale sostenibile e la valorizzazione delle produzioni dei boschi cedui e, in particolare, dei cedui oltre turno, invecchiati e in abbandono colturale hanno un valore strategico, per le ricadute in termini di produttività e competitività delle imprese forestali, della filiera bosco-legno-energia, ma anche per i riflessi ambientali e sociali. Di questo, dei principali avanzamenti della ricerca su tecniche selvicolturali e modelli di gestione sostenibile, del ruolo dell'innovazione tecnologica nelle utilizzazioni forestali dei boschi cedui e delle opportunità legate anche alla nuova programmazione dello Sviluppo Rurale, si tratterà nel workshop 'Gestione dei boschi cedui oltre turno: avanzamenti tecnico-scientifici e applicazioni operative'.
Il workshop, dedicato in particolare a imprese e consorzi forestali, associazioni di categoria, liberi professionisti e tecnici dei servizi forestali, è organizzato, nell'ambito delle attività finanziate dalla Rete Rurale Nazionale, dal Centro di ricerca Foreste e Legno e dal Centro di ricerca Politiche e Bioeconomia del CREA, con la collaborazione di Regione Liguria e il patrocinio della Società Italiana di Selvicoltura e Ecologia Forestale (SISEF), dell' Ordine dei Dottori Agronomi e Forestali della Liguria e del Coordinamento Nazionale Imprese Boschive (CoNaIBo).

19 Letture >>> Leggi il resto... (678 bytes ulteriori) Invia l'articolo ad un amico Stampa la pagina
Seminari : Forum Nazionale delle Foreste Tutela e Valorizzazione del Patrimonio Forestale Italiano
Inviato da : admin Lunedí, 21 Novembre 2016 - 16:52
Filiera foresta legno economia

FORUM NAZIONALE DELLE FORESTE TUTELA E VALORIZZAZIONE DEL PATRIMONIO FORESTALE ITALIANO

Idee - Progetti - Cantieri

29 novembre 2016, Centro Congressi Fontana di Trevi, Piazza della Pilotta, 4, Roma

I boschi italiani sono un bene comune, legato alla storia e alla cultura del nostro territorio. Il futuro del nostro Paese dipende anche da come percepiamo, tuteliamo e gestiamo questo patrimonio che rappresenta il 35% del territorio italiano.
Sono il principale strumento nella limitazione del rischio idrogeologico, nella lotta ai cambiamenti climatici, nella salvaguardia della biodiversità e del paesaggio, nella depurazione e regimazione delle acque. Sono inoltre, una fondamentale e rinnovabile risorsa per lo sviluppo socio-economico delle aree montane e rurali e del sistema paese. Sempre di più sono oggetto di pressioni e destabilizzazioni legate ai cambiamenti climatici, agli incendi, ad attacchi parassitari, a nuove forme di utilizzazione e fruizione.
In questo contesto è necessario avviare una riflessione sulla politica forestale, in relazione alla tutela del territorio, delle risorse naturali e paesaggistiche. Le funzioni di protezione, ambientali e paesaggistiche del bosco non possono prescindere, salvo particolari situazioni, dalla gestione attiva ed economica delle risorse forestali.
La politica europea di Sviluppo rurale 2014-2020 riconosce le risorse forestali e il settore produttivo a esse collegato, come elementi cardine per il perseguimento degli obiettivi Europa 2020 e delle Priorità strategiche comunitarie, con particolare riferimento allo "sviluppo socioeconomico locale", "lotta al cambiamento climatico", "sostenibilità energetica" e "conservazione della biodiversità". La politica di Sviluppo rurale rappresenta oggi il principale (in molti casi l'unico) strumento, regionale e nazionale, per il perseguimento degli impegni internazionali sottoscritti dal Governo italiano in materia ambientale, climatica ed energetica, e della Strategia forestale comunitaria (COM(2013) 659 final). La gestione forestale viene inoltre, considerata dal Reg. UE n. 1305/2013, come "parte integrante dello sviluppo rurale e il sostegno a un'utilizzazione del suolo che sia sostenibile e rispettosa del clima deve includere lo sviluppo delle aree forestali e la gestione sostenibile delle foreste".
Il Forum nazionale delle foreste, vuole essere un primo momento di confronto partecipato e necessario a definire e condividere i principi su cui poter costruire il nuovo quadro politico e legislativo nazionale per una concreta tutela e valorizzazione del patrimonio forestale italiano.

77 Letture >>> Leggi il resto... (730 bytes ulteriori) Invia l'articolo ad un amico Stampa la pagina
Seminari : Modalità di progettazione e conduzione delle piantagioni policicliche
Inviato da : admin Giovedí, 10 Novembre 2016 - 17:37
Arboricoltura

Modalità di progettazione e conduzione delle piantagioni policicliche

25 Novembre 2016 c/o Cadir Lab Srl, Strada Antica Alessandria n. 13 - Quargnento (AL)

La giornata, organizzata dal CREA nell'ambito delle attività finanziate dalla Rete Rurale Nazionale, costituisce il secondo incontro sulle piantagioni policicliche ed ha lo scopo di verificare in campo i risultati di alcuni impianti realizzati in Piemonte. Sarà anche l'occasione per evidenziare le principali innovazioni sotto il profilo produttivo, economico e ambientale di questa nuova tipologia di piantagioni da legno e per illustrare gli strumenti normativi a disposizione, evidenziando l'importanza della Rete Rurale Nazionale nel coinvolgere i principali portatori di interesse del settore e nel migliorare la qualità dell'attuazione dei programmi di sviluppo rurale.
L'incontro tecnico si terrà presso Cadir Lab Srl, Strada Antica Alessandria n. 13 a Quargnento (AL) il 25 Novembre 2016. La partecipazione è gratuita ma per motivi organizzativi si richiede l'iscrizione e l'eventuale interesse a partecipare al pranzo al prezzo indicativo 15 euro inviando una e-mail entro il 21 novembre 2016, al seguente contatto: francesco.pelleri[at]crea.gov.it
La partecipazione alla giornata formativa darà diritto all'acquisizione di 0,5 CFP (crediti formativi professionali) validi per il conseguimento di quanto previsto dall'articolo 2 e dall'articolo 9 comma 1 del regolamento per la formazione professionale permanente dei Dottori Agronomie dei Dottori Forestali in vigore dal 01/01/2010.

162 Letture >>> Leggi il resto... (515 bytes ulteriori) Invia l'articolo ad un amico Stampa la pagina
 Numero di pagine: 135 Vai alla pagina 1  »   Ultima  
 
Risorse 
· BANCHE DATI
· Bibliomatic
· Web search


> Utilità


> Mappe interattive
· Impianti a biomasse
· Incendi
· Biomassa forestale


> Applicazioni
· Boschi da seme

 

 
     
  
Ricercaforestale.it risulta conforme alla vigente normativa sull'editoria (L. 62 del 7 marzo 2001), non trattandosi di pubblicazione avente carattere di periodicità, bensì di prodotto aggiornato a seconda del materiale ricevuto e disponibile per l'inserimento.

Licenza Creative Commons
Eccetto dove diversamente specificato, i contenuti di Ricercaforestale sono rilasciati sotto licenza
Creative Commons Attribuzione - Non commerciale 3.0 Unported.


Risoluzione consigliata: 1024x768.