Questo sito utilizza i cookies per offrire una migliore esperienza nella navigazione. Continuando accetti la nostra Cookies Policy.
Ricercaforestale
Portale della ricerca scientifica e della pratica forestale

CREA Centro di ricerca Foreste e Legno
Benvenuto Ospite
Utente Password Ricordati
Utenti online 

Ci sono 8 visitatori e
0 utenti on-line

Sei un utente non registrato, puoi fare login da qui o registrarti liberamente cliccando qui.

Dimenticato la password? Richiedila qui.


 
 


Questa è la Categoria: Seminari
Di seguito trovate le notizie pubblicate per questa Categoria.


Seminari

 Numero di pagine: 23 Vai alla pagina 1  »   Ultima  
Seminari : La montagna italiana nello sviluppo rurale: problematiche e prospettive economiche, sociali, ambientali e istituzionali
Inviato da : admin Martedí, 07 Febbraio 2017 - 15:04
Miscellanea

La montagna italiana nello sviluppo rurale: problematiche e prospettive economiche, sociali, ambientali e istituzionali

24 Febbraio 2017 - Polo universitario di Scienze sociali, via delle Pandette 9 - Firenze

Il futuro della "montagna" è oggi al centro di un vivace e ampio dibattito orientato a stimolare nuove progettualità basate sulla consapevolezza che vi sono numerosi punti di forza e opportunità da valorizzare.
Bisogna partire dalla considerazione che la "montagna" non è tutta uguale, ma è un "mosaico" di situazioni diverse da nord a sud dell'Italia, ciascuna delle quali ha una propria identità e detiene risorse la cui valorizzazione richiede percorsi partecipativi che devono essere costruiti responsabilmente dagli attori stessi del territorio. Se "la diversità" si assume come ricchezza della "Montagna" non si deve far altro che focalizzare nella loro specificità tutte le risorse endogene della "Montagna": i prodotti dell'agricoltura, degli allevamenti, del bosco, i prodotti dell'artigianato, il turismo, la biodiversità vegetale e animale, il paesaggio, i beni culturali, le tradizioni, devono essere portati a sistema. Ciascuna risorsa presente nel territorio concorre al suo sviluppo e alla sua crescita, unitamente al miglioramento dei servizi alla popolazione e della qualità della vita.
Anzitutto la Politica di sviluppo rurale, insieme con la Strategia delle aree interne e le politiche di sviluppo regionale e sociale, sono protese ad assicurare il perseguimento dell'obiettivo della coesione economica, sociale e territoriale. L'equilibrio di queste componenti è l'elemento chiave del nuovo approccio allo sviluppo della "montagna".
Con questa iniziativa l'Accademia Dei Georgofili, in collaborazione con molti altri Soggetti, ha voluto aprire un ampio dibattito sulle complesse problematiche e prospettive della "montagna". Per tanti soggetti che si sono aggiunti lungo il cammino finora intrapreso e che portano il loro contributo alla giornata di studio, molti di più ve ne sono che avrebbero voluto e dovuto partecipare. Il nostro convincimento e auspicio è che quest'occasione non sia che l'inizio di una profonda riflessione che la comunità civile nel suo complesso ha in animo perché trova nella "montagna" le sue radici irrinunciabili.

562 Letture >>> Leggi il resto... (477 bytes ulteriori) Invia l'articolo ad un amico Stampa la pagina
Seminari : Forum Nazionale delle Foreste Tutela e Valorizzazione del Patrimonio Forestale Italiano
Inviato da : admin Lunedí, 21 Novembre 2016 - 16:52
Filiera foresta legno economia

FORUM NAZIONALE DELLE FORESTE TUTELA E VALORIZZAZIONE DEL PATRIMONIO FORESTALE ITALIANO

Idee - Progetti - Cantieri

29 novembre 2016, Centro Congressi Fontana di Trevi, Piazza della Pilotta, 4, Roma

I boschi italiani sono un bene comune, legato alla storia e alla cultura del nostro territorio. Il futuro del nostro Paese dipende anche da come percepiamo, tuteliamo e gestiamo questo patrimonio che rappresenta il 35% del territorio italiano.
Sono il principale strumento nella limitazione del rischio idrogeologico, nella lotta ai cambiamenti climatici, nella salvaguardia della biodiversità e del paesaggio, nella depurazione e regimazione delle acque. Sono inoltre, una fondamentale e rinnovabile risorsa per lo sviluppo socio-economico delle aree montane e rurali e del sistema paese. Sempre di più sono oggetto di pressioni e destabilizzazioni legate ai cambiamenti climatici, agli incendi, ad attacchi parassitari, a nuove forme di utilizzazione e fruizione.
In questo contesto è necessario avviare una riflessione sulla politica forestale, in relazione alla tutela del territorio, delle risorse naturali e paesaggistiche. Le funzioni di protezione, ambientali e paesaggistiche del bosco non possono prescindere, salvo particolari situazioni, dalla gestione attiva ed economica delle risorse forestali.
La politica europea di Sviluppo rurale 2014-2020 riconosce le risorse forestali e il settore produttivo a esse collegato, come elementi cardine per il perseguimento degli obiettivi Europa 2020 e delle Priorità strategiche comunitarie, con particolare riferimento allo "sviluppo socioeconomico locale", "lotta al cambiamento climatico", "sostenibilità energetica" e "conservazione della biodiversità". La politica di Sviluppo rurale rappresenta oggi il principale (in molti casi l'unico) strumento, regionale e nazionale, per il perseguimento degli impegni internazionali sottoscritti dal Governo italiano in materia ambientale, climatica ed energetica, e della Strategia forestale comunitaria (COM(2013) 659 final). La gestione forestale viene inoltre, considerata dal Reg. UE n. 1305/2013, come "parte integrante dello sviluppo rurale e il sostegno a un'utilizzazione del suolo che sia sostenibile e rispettosa del clima deve includere lo sviluppo delle aree forestali e la gestione sostenibile delle foreste".
Il Forum nazionale delle foreste, vuole essere un primo momento di confronto partecipato e necessario a definire e condividere i principi su cui poter costruire il nuovo quadro politico e legislativo nazionale per una concreta tutela e valorizzazione del patrimonio forestale italiano.

480 Letture >>> Leggi il resto... (730 bytes ulteriori) Invia l'articolo ad un amico Stampa la pagina
Seminari : Modalità di progettazione e conduzione delle piantagioni policicliche
Inviato da : admin Giovedí, 10 Novembre 2016 - 17:37
Arboricoltura

Modalità di progettazione e conduzione delle piantagioni policicliche

25 Novembre 2016 c/o Cadir Lab Srl, Strada Antica Alessandria n. 13 - Quargnento (AL)

La giornata, organizzata dal CREA nell'ambito delle attività finanziate dalla Rete Rurale Nazionale, costituisce il secondo incontro sulle piantagioni policicliche ed ha lo scopo di verificare in campo i risultati di alcuni impianti realizzati in Piemonte. Sarà anche l'occasione per evidenziare le principali innovazioni sotto il profilo produttivo, economico e ambientale di questa nuova tipologia di piantagioni da legno e per illustrare gli strumenti normativi a disposizione, evidenziando l'importanza della Rete Rurale Nazionale nel coinvolgere i principali portatori di interesse del settore e nel migliorare la qualità dell'attuazione dei programmi di sviluppo rurale.
L'incontro tecnico si terrà presso Cadir Lab Srl, Strada Antica Alessandria n. 13 a Quargnento (AL) il 25 Novembre 2016. La partecipazione è gratuita ma per motivi organizzativi si richiede l'iscrizione e l'eventuale interesse a partecipare al pranzo al prezzo indicativo 15 euro inviando una e-mail entro il 21 novembre 2016, al seguente contatto: francesco.pelleri[at]crea.gov.it
La partecipazione alla giornata formativa darà diritto all'acquisizione di 0,5 CFP (crediti formativi professionali) validi per il conseguimento di quanto previsto dall'articolo 2 e dall'articolo 9 comma 1 del regolamento per la formazione professionale permanente dei Dottori Agronomie dei Dottori Forestali in vigore dal 01/01/2010.

488 Letture >>> Leggi il resto... (515 bytes ulteriori) Invia l'articolo ad un amico Stampa la pagina
Seminari : Florence symposium on running projects focused on C- dynamics in Italian forest soils
Inviato da : admin Martedí, 20 Settembre 2016 - 09:27
Biologia

Florence symposium on running projects focused on C- dynamics in Italian forest soils

Firenze, 29 settembre 2016; Sala Conferenze di Villa Favorita - Accademia Italiana di Scienze Forestali (piazza Edison 11 - Firenze)

Il simposio focalizzerà l'attenzione sull'importanza che ha il carbonio contenuto nelle componenti organiche del suolo sul mantenimento della fertilità del suolo in ambito forestale. Inoltre, maggiori conoscenze a titolo multidisciplinare sulle dinamiche di rilascio e conservazione del carbonio in suoli forestali sono necessarie per poter meglio comprendere l'impatto che i fattori climatici in continua evoluzione hanno sul ciclo globale del carbonio. Grazie alla partecipazione di leading-scientists che presentano alcuni dei progetti nazionali ed europei attualmente in corso, si auspica che questo simposio possa portare a: i) allargare le conoscenze sui meccanismi del carbonio in suoli forestali europei, ii) realizzare un "multidisciplinary consortium" tra i partecipanti al fine di promuovere nuove collaborazioni, iii) redigere interessanti proposte di chiamata regionale, nazionale e internazionale con l'obbiettivo di sensibilizzare i corpi istituzionali nazionali ed europei a questa tematica di richiamo comune.

529 Letture >>> Leggi il resto... (230 bytes ulteriori) Invia l'articolo ad un amico Stampa la pagina
 Numero di pagine: 23 Vai alla pagina 1  »   Ultima  
 
Risorse 
· BANCHE DATI
· Bibliomatic
· Web search


> Utilità


> Mappe interattive
· Impianti a biomasse
· Incendi
· Biomassa forestale


> Applicazioni
· Boschi da seme

 

 
     
  
Ricercaforestale.it risulta conforme alla vigente normativa sull'editoria (L. 62 del 7 marzo 2001), non trattandosi di pubblicazione avente carattere di periodicità, bensì di prodotto aggiornato a seconda del materiale ricevuto e disponibile per l'inserimento.

Licenza Creative Commons
Eccetto dove diversamente specificato, i contenuti di Ricercaforestale sono rilasciati sotto licenza
Creative Commons Attribuzione - Non commerciale 3.0 Unported.


Risoluzione consigliata: 1024x768.